Così celeste.

C’è almeno un’altra sacrosanta verità oltre al fatto che l’erba del vicino è sempre più verde. E cioè che, intorno ai trentasette anni, giorno in più 4 giorni in meno, io sono invecchiata. Non che abbia piena consapevolezza del tempo che passa, fottiti seneca, piuttosto il gobbo davanti  me sfoglia una serie di foglietti suggeritori.

Mio figlio ha chiesto ed ottenuto un pc in camera sua. Ha tolto tutti i libri fiabe formato baby, a parte il piccolo principe pop-up, ed ha riempito di Lego le mensole della libreria che fu di mia sorella. Sono le stesse Lego di sempre, solo motorizzate, grazie al finanziamento dello zio Massi. Mio figlio si chiama Giulio e si è fidanzato con la Teresa. Teresa di sempre. Si sono fidanzati perché, finalmente, lei ha capito che si possono divertire anche fuori dal campo da tennis. Lui l’ha invitata sabato prossimo a vedere la miniera che sta costruendo in campagna e le ha chiesto di procurarsi degli stivali. E’ piovuto molto negli ultimi giorni. Lui non crede che lei porterà gli stivali e ne ha già preparato un paio ma non glielo dice altrimenti lei non prenderà sul serio che deve portare gli stivali. I difetti sono i miei stessi.

Il mio cane, Diana Regina del Bosco detta Cinzia, è diventata signorina. A otto mesi. Mi sono emozionata tantissimo. Eravamo sole in casa, abbiamo festeggiato con acqua tonica e unghie laccate di rosso. Se vuoi vedere qualcosa crescere velocemente, prendi un cane a vivere con te. Sette sacchi di Eukanuba Puppy e te lo trovi grande. A voglia a dire che è un cucciolo. Potrebbe mettere al mondo cuccioli esattamente come te. Questo fa di lei una tua pari. Ergo, da un giorno  all’altro, smetti di giocarci a mamma e figlia e ci giochi a signore.

Il mio ex marito mi rassicura contro gli attacchi trasversali della sua fidanzata giovane. Mi chiama per sapere se ho bisogno di qualcosa e se, visto che è alla coop, deve prendermi la pallucca di insalata rossa. Gli ho messo a divedere che è afrodisiaca e mi diverto a vederlo tritare chili e chili di erba. Tutto quello che doveva fare era ingerire verdura: una volta si faceva aaaaaaaam con l’aereo – forchetta. Oggi si dice che fa miracoli. Alè.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Così celeste.

  1. valeria ha detto:

    tuo figlio è la tua fotocopia,oltre che fisica,comportamentale….l’hai cresciuto proprio bene 🙂
    ti adoro,se non avessi te e i tuoi post ogni tanto mi domando come farei a tirarmi sù.

    ps:auguri a Cinzia! benvenuta nel mondo delle donne:speriamo non le appartengano le crisi pre-mestruali e gli sbalzi ormonali, sennò comincia a dire addio al divano 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...