Mai più legare un fiocco a un libro

Capitare. Quando capitò che mi regalò il libro col fiocco giallo, credetti che fosse per caso e volli vederci un significato profondo e una compassione tra me e la protagonista del libro. Quasi per compiacerlo. A distanza di sei anni credo che quello che ho sempre pensato fosse capitato per caso e per amore, racchiude un significato longevo ed indelebile. Che occupa la maggior parte della ram adibita a ricordidipersonespecialichenonhaimaiavutomaallequaliappartieni. Regalarmi il libro non fu la pazzia di un momento ma una coraggiosa promessa, stranamente mantenuta, di ricordarmi di prenderlo tra le mani tutte le volte che fossi in cerca di ispirazione. Oggi, per esempio.

L’unico modo per scendere a patti con questa nostalgia è lasciarmi convincere a sfilare il fiocco giallo e aprire le pagine a caso. E allora leggere che tutto quello che ero lo sono ancora e che lui ti ha aspettato, paziente e mai stanco. Un pezzo della carta di alluminio, già confezione regalo, sbuca da una delle ultime pagine. Il riflesso ferisce gli occhi come una nota stonata urlata nel timpano.

Leggo. Respiro. Mi tocco. Ci sono. Vivo. Grazie.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mai più legare un fiocco a un libro

  1. modestino ha detto:

    welcome back lopez!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...