No title

Tredici ore di lavoro, un paio di pantofole vinte alla pesca, la tisana camomilla miele e vaniglia pronta sul tavolo, sorrisi di tutto un racconto di bordo, la voglia di scrivere, una gambina che spunta da dietro le sponde del letto dei pirati, il traffico della superstrada, la musica della radio senza pubblicità, le dodici valute di cui non ricordo la formula, una sigaretta fumata con i piedi sul tavolo, il giardino con l’erba tagliata, il letto da disfare, la pace della solitudine, l’odore della pelle, le ultime dieci pagine che non leggo per protesta, l’urlo silenzioso della morte, la vanità, le foto in bianco e nero,  i tappeti che sanno di limone, la credenza con i carboidrati, le lampade a forma di gru, la luce dell’africa, le confidenze regalate, l’amaro di quello che non svelerò mai, tutti i suoi sbagli, mio padre, il desiderio, il frastuono dell’assenza, il vestito blu a pois bianchi, il motorino truccato, la collezione di palle, l’ossessione delle  gabbie, chiedi alla polvere, le rose del giardino, il rossore di un complimento, l’angoscia del darfur, i mille inizi, il braccialetto fosforescente del concerto, il giorno prima della felicità, la voce della ninfa eco. Ventinove parole.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in io. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...