trentadue e dintorni

Quasi trentadue. Giorno in più giorno in meno.

Oggi li compie Tommaso e domani l’Irene. Non so ancora cosa regaleremo a lei,  so quello che vorrei regalare a lui. Vorrei rivederlo illuso e sereno nel vestito salmone, sul motorino scassato, con i pantaloni scesi e il sorriso beffardo della giovinezza. Vorrei vederlo feroce per la gelosia di un paio di jeans misurati in classe, l’orecchio teso di chi aspetta il suggerimento e lei che glielo da, senza farsi pregare. Era il rimprovero, l’ironia per il vestito a pois bianco e blu e pure le treccine legate con la semiseta.

A distanza di tempo riassaggio il dolce nettare di quei tempi con foto sbiadite rimesse insieme come regalo di compleanno. E allora c’erano i capelli da Pocahontas e tutti noi lì a guardarla mentre alzava di scatto la testa e sembrava Marge Simpson.

18 anni che ci conosciamo. Che moltiplicati per le nostre tre vite fanno 54 anni. Mezzo secolo che bacio con affetto fraterno e che abbraccio con orgoglio. Qualunque cosa siamo stati, siamo diventati e saremo è un bene prezioso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in irene; tiziana; "quella messa peggio sei tu". Contrassegna il permalink.

2 risposte a trentadue e dintorni

  1. irene ha detto:

    oddio lopez…e non so nemmeno che vuol dire stò oddio

  2. ToM ha detto:

    Auguri a entrambi.
    Anzi, auguroni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...