Livia Dixit

“A Monteluce c’è sempre il sole”. “Altro che laggiù” (dove laggiù era Ponte della Pietra, il Poggio, la Periferia).

Per quanto mi facesse dannare il suo spocchioso modo di ergersi a cittadina, dovevo ammettere che c’era sempre il sole in quella piazza. Dalla sua terrazza poi, si apriva il mondo.

Sarebbe felice in ogni caso di sapere che esiste un altro posto dove c’è sempre il sole e che, mentre salgo, la penso con affetto. Come mai mi era successo prima. E’ come se, sotto quella croce che indica che il traguardo è vicino, trovo i suoi occhi grigi e lagrimosi. 

Keywords: gioia, sole, nebbia in lontananza, occhi come raggi: talmente chiari da sbiadire l’orizzonte. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in io. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Livia Dixit

  1. ToM ha detto:

    Non so chi fosse lei ma aveva ragione: a Monteluce c’è sempre il sole. Da cui il nome.

    Quaggiù invece nebbia ogni mattina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...