Rimbaud

 pausa-pranzo.jpg

Non ho forse avuto una volta una giovinezza bella, eroica, favolosa, da scrivere -troppa grazia!- su fogli d’oro? Per colpa di quale delitto, di quale errore, mi sono meritato la mia attuale debolezza?

Voi che pretendete che le bestie singhiozzino di dolore, che gli ammalati disperino, che i morti facciano brutti sogni, cercate di raccontare la mia caduta  e il mio letargo. Io non posso spiegarmi meglio del mendicante con i suoi continui Pater e Ave Maria.

Io non so più parlare!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...