Ognuna di noi

Mentre la Caustica mi preparava una bruschetta all’olio ripensavo silenziosamente a molte cose. E nemmeno gliele ho dette, tanta era l’emozione di riviverle davanti ai miei occhi in modo così inaspettato. Ho ripensato alle ginocchia pungenti della Ferranti che premevano dietro il sedile della mia 500 panna, ai suoi ritardi sotto casa prima di andare a scuola, ai nostri parcheggi con il biglietto di scuse per i vigili, a quella volta che ci hanno fermato i carabinieri perchè in due e senza casco e alla fine l’abbiamo convinti a farci una piccolissima multa per pneumatici sgonfi. Ricordavo anche la sua festa dei 18 anni, saltata per colpa di un amore ingeneroso, e il giorno dopo quando fummo richiamate in bagno per una bella conferenza rivelatrice di una insana amicizia. Eravamo coraggiose, questo si. Eravamo coraggiose nel non voler dimenticare quello che ci faceva battere il cuore. In questo senso la più impavida era Lei. La Nicoletta riusciva a trattenere talmente tanto i ricordi da disegnare con dovizia di particolari la piantina della camera dove era stata in settimana bianca. Con tanto di verso di apertura delle porte, proporzione di armadi ed esatta angolazione del letto. Poi scriveva tutti i testi delle canzoni, forse per “sentirli veri”. 

Please Don’T Go di Haddaway

Vorrei trascrivere solo un paio di battute perchè se provo a cantarle rivedo tutte noi nello spogliatoio della palestra quando ci cambiavamo dopo la lezione con l’Allegretti.

Babe I love you so
And I want you to know
That I’m gonna miss your love
The minute you walk out that door
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in irene; tiziana; "quella messa peggio sei tu". Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ognuna di noi

  1. ire ha detto:

    è vero. eravamo coraggiose. di un coraggio che spesso diveniva spavalderia. non ci fermava niente e nessuno. siamo state capaci di fare cose talmente assurde da essere quasi impossibili. delle magie.

  2. La Caustica ha detto:

    O, Camilla….!!! Ti vorrei ricordare che, dentro lo spogliatoio dopo la lezione dell’Allegretti, la Caustica è stata così impavida da fare un salello in alto e dare uno schiaffetto ad una più alta di lei di 20 cm!

    E’ proprio vero Ire, coraggio, spavalderia, cose assurde e quasi impossibili….e basta!

  3. La Caustica ha detto:

    Ho scritto una parola sbagliata, ma non la correggo: tanto chi deve sapere sa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...