La ballata dell’uomo fragile

Prendi i miei polsi
e stringi più forte.
Apri le tue forme
e accogli tutto il mio tremore.
E… cullami in te, come se fosse l’ultima volta.
Affoga i miei pianti,
confondimi fra i tuoi profili.
Raccogli i miei occhi
e colorali filtrando le paure.
E… cullami in te, come se fosse l’ultima volta,
cullami in te, come se fosse l’ultima volta.

Il Nucleo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in liriche. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...